Vittorio Arrigoni, reperibile da un anno.

by

Un anno fa Vittorio Arrigoni diventava reperibile. Oggi, benché la stampa blasonata sembri non ricordarsi di lui, io lo ricordo bene, e di seguito gli dedico un pensiero, segnalando poi due speciali dal web che riportano alcuni scritti e lettere di Vittorio, video registrati da lui, uno scritto della madre, e testimonianze della situazione odierna di altri cooperanti a Gaza. Questo lo speciale di E-il, e questo lo speciale del Globalist. Sul Post, invece, una sua biografia disegnata.

 

Chi resta umano non svanisce
e non finirà mai sulle magliette
stampato, lo sguardo assorto
pipa, taccuino e il suo cappello
a scolorire nei nostri lavaggi
di cosa metto oggi per uscire.

Chi resta umano non svanisce
e con la vita perderà soltanto
i suoi confini facendosi terra
accessibile alla notizia di tutti
reperibile, dunque non assente
ma altrove come te, Vittorio

e sarà ancora in qualche grotta
buttato ad amare senza invito
col sorriso e nella mano aperta
un regolare biglietto di cicatrici
paure e incoscienze da offrire
a chi lo cerca dicendosi fratello.

Dal 1981 racimola una laurea del primitivo ordinamento con tesi in semiotica della letteratura sul tempo nei racconti di Borges; un paio d’anni a scrivere per La Sicilia e un pirandelliano tesserino da giornalista professionista; diversi e non conclusi anni di teatro per ragazzi a muovere e suonare per i burattini; un progetto di digitalizzazione bibliotecaria alla Sapienza, qualche poesia sparsa in varie antologie e l’attuale attività di traduttore e lettore. Adora religiosamente i classici e la poesia.

1 Comment

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Latest from Parole

Come un segnalibro

Dal primo marzo non mi occupo più dei libri Laurana e Novecento.

Il veleno nero

L'orrore del fascismo e l'uso volgare, ignorante e scriteriato, che ne fa
Go to Top