La poesia è sempre un luogo di verso?

«È finita», le disse. Lei per poco non si affogò con l’ultimo boccone e poi iniziò a fissarlo con le lacrime agli occhi. Lui non aggiunse altro e continuò a guardare sul tavolo le briciole di quella cena speciale. Non voleva crearle illusioni e sapeva che lei avrebbe dato qualsiasi cosa per poter tornare indietro. Quante volte aveva fatto finta di non vedere, di non sapere come stavano le cose. Ma ormai era troppo tardi. «E ora che si fa senza marmellata?». L’indomani avrebbero iniziato una lunga dieta ferrea. Insieme.

[l'immagine cliccabile rimanda a un commento musicale del post]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑