Il cane con gli occhi neri

Il cane con gli occhi neri mi fissa da tre ore.
Cerco di non guardarlo,
di non dargli un’importanza,
di continuare a fare il mio
ma lui resta fermo lì davanti
e tanto basta a intimorirmi.
Più mantiene quello sguardo sereno,
più mi cresce dentro un albero nero.
Io continuo a fare il mio e il cane resta fermo.
Mansueto, immobile come un rimprovero,
mi fissa con la lingua penzoloni,
ha gli occhi neri, non ha fame
e non deve fare mai la passeggiata.
Il suo ruolo è stare lì,
come se aspettasse quando
penserò di aver finito con il mio.
Se penserò che debba cominciare a essere io,
il cane con gli occhi neri.
E smetterla di sbranare carne e ossa profonde.
E scendere in strada
per abbaiare agli uomini senz’ombra.

(Marco Bisanti)

 

Autore: Marco Bisanti

mela penso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *