Scrittori, alfabeti, mappe e storie avventurose

by

Una tre giorni a Palermo organizzata da gente veramente in gamba che ostinatamente continua a produrre eventi, iniziative e stimoli al pensiero sulla scena culturale in un territorio in cui si lamenta sempre una “morte della cultura”. Dal 28 al 30 settembre incontri, proiezioni e discussioni a proposito di editoria, critica e precariato intellettuale, promossa da Gli Amici di Oblomov, N’Zocché, Libreria Modusvivendi e :duepunti edizioni.

“Navigando a vista, tra polemiche, appiattimento e proposte, cerchiamo di tracciare un modello nuovo per l’editoria italiana, che sappia riconoscere il valore della bibliodiversità, del consumo critico (e intransigente) delle lettere, del lavoro degli indipendenti (editori e librai)”.

Un’anticipazione del programma, che uscirà fra pochi giorni, dà in esclusiva al cinema Rouge et Noir, la sera del 29 settembre, Senza scrittori, il docufilm sull’editoria di Cortellessa e Archibugi, di cui molti parlano ma che pochissimi hanno visto. Per prenotare è necessario recarsi da Modusvivendi o da Nzocché e ritirare l’invito (contributo simbolico di 3 euro).

interventi di:

Beatrice Agnello, Giancarlo Alfano, Andrea Cortellessa, Davide Dalmas,

Titti De Simone, Matteo Di Gesù, Gianfranco Marrone, Fabrizio Piazza, Domenico Scarpa e Salvo Spiteri

info. tel. 091323493 | info@modusvivendi.pa.it

Dal 1981 racimola una laurea del primitivo ordinamento con tesi in semiotica della letteratura sul tempo nei racconti di Borges; un paio d’anni a scrivere per La Sicilia e un pirandelliano tesserino da giornalista professionista; diversi e non conclusi anni di teatro per ragazzi a muovere e suonare per i burattini; un progetto di digitalizzazione bibliotecaria alla Sapienza, qualche poesia sparsa in varie antologie e l’attuale attività di traduttore e lettore. Adora religiosamente i classici e la poesia.

2 Comments

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Latest from Parole

Come un segnalibro

Dal primo marzo non mi occupo più dei libri Laurana e Novecento.

Il veleno nero

L'orrore del fascismo e l'uso volgare, ignorante e scriteriato, che ne fa
Go to Top