Del sapore della ciliegia, del suicidio, del dolore che accomuna tutte le famiglie, di dita rotte e d’una serenità disperatamente laica

Qui il giudizio del Morandini sul film di Kiarostami

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *