Mondiali. Pagelle di quelli rimasti a casa/2

di Andrea Tuttoilmondo

Sirigu 6,5 – Il portiere del Palermo non ha ancora smaltito la delusione per la mancata convocazione in nazionale al punto che poco prima del fischio d’inizio, per esprimere il suo disagio, contatta il camper di “Ditelo ad Rgs” con a bordo il condirettore del Giornale di Sicilia e i cronisti Luigi Ansaloni e Simona Camarda. Alla fine la convocazione per Sirigu non arriva ugualmente, ma in compenso adesso nel suo stabile hanno riparato l’ascensore.

Cassano 7,5 – L’attaccante doriano sorprende i suoi ospiti commentando così la prestazione degli azzurri: «Ritengo che l’Italia meritasse di più. Con una formazione diversa avremmo goduto di maggior spinta sulle fasce». E’ la prima volta che Antonio Cassano mette insieme due frasi indovinando tutti i congiuntivi e i condizionali. Il ‘pibe’ di Bari vecchia, inoltre, conferma di aver ritrovato l’amore verso la nazionale sfoggiando sulla torta nuziale una coppia di sposini raffiguranti Grella e Bresciano.

Balotelli 6 – Reagisce male quando sente dire alla fidanzata: «Ora metto fuori la spazzatura». Interpretando quella frase come una sua imminente sostituzione, e ancor prima di chiarire l’equivoco, Balotelli è già in mutande sul pianerottolo e ha già mandando a quel paese l’intera scala B del suo condominio.

Cassani 5 – Il numero 16 rosanero oggi è distratto e non convince. Poco reattivo e pesante sulle gambe, scatta sempre in ritardo. Lento e puntualmente in affanno rispetto al suo diretto avversario, dopo appena venti minuti di gara decide di lasciar perdere e farsi un bagno: il gioco del fazzoletto sulla spiaggia non fa per lui.

Totti 7 – Il capitano giallorosso pecca d’ingenuità quando, convinto che si tratti di un gruppo dance latino-americano, acquista per 100 euro un cofanetto con 10 cd dal titolo “Las vuzuvelas”. Dopo 15 ore ininterrotte di ‘tifo’ sudafricano a tutto volume, Totti pone fine alle sofferenze dei vicini di casa… sparandogli. Erano della Lazio. Il romanista si pente, e attraverso le pagine del suo sito chiede scusa scrivendo: “Vendesi cofanetto introvabile delle Las Vuzuvelas”.

< le pagelle della prima partita


Dietro gli undici in campo guidati da Lippi e gli integrati panchinari, c’è un’altra Italia – una nazion(al)e svanita a cui vogliamo dare risalto. Con il massimo spirito patriottico, essendo impossibile non parlare (perchè? – non saprei) del Mondiale sudafricano e delle imprese azzurre, si è deciso di segnalare una divertente nota con la votazione demenzial-letteraria di Andrea Tuttoilmondo sui giocatori che al mondiale non ci sono, non ci sono arrivati, dovevano esserci (così si disse, con deontica speranza) ma rimasero a casa. Come tutti noi.

Un pensiero riguardo “Mondiali. Pagelle di quelli rimasti a casa/2”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *