1969-2009

by

Libera luna lasciami le lucciole,
lasciami le lampare,
lasciami le lanterne.
Luna liscia lucidami la logica,
mordimi mentre medito,
nascondi nella notte la noia delle nuvole
oppure va’ via
perché piace pure a me
la tua faccia vuota di quaglia.

Bevi pure la mia ampolla
e con il mio senno fa’ i gargarismi.
L’astuto Astolfo non vuole volare più.
Dice che ti ama da allora e
passa le notti col naso al cielo
a ricordare te e quella passeggiata.
Lasciami almeno le lucciole e
gli dirò che piangi insetti-elettrici,
gli dirò che li piangi per lui.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Latest from Parole

Come un segnalibro

Dal primo marzo non mi occupo più dei libri Laurana e Novecento.

Il veleno nero

L'orrore del fascismo e l'uso volgare, ignorante e scriteriato, che ne fa
Go to Top