Censimento web letterario. Terza puntata.

[prima puntata] [seconda puntata] [quarta puntata]

Tra siti che spariscono, blogger che smettono di digitare e riviste che interrompono le pubblicazioni, ecco un’infornata di realtà tuttora attive e in buona salute.

Lankelot è un portale di letteratura e sogni fondato dal letterato Gianfranco Franchi, adesso in libreria con il suo capolavoro Monteverde. Struttura ordinata per questa agorà virtuale che “nasce per dare sostegno al progresso: per costituire un’avanguardia dell’intelligenza. All’insegna della ricerca, della democrazia e dell’amore per la bellezza”.

Golem l’indispensabile ha un comitato direttivo di tutto rispetto: Gherardo Colombo, Carlo Bertelli, Umberto Eco, Renato Mannheimer, Danco Singer. La prima rivista culturale italiana concepita per il web nacque nel 1996, quando il web era l’eco d’una lontana promessa globale, su iniziativa dell’ex barbuto Umberto Eco, del giornalista palermitano Gianni Riotta e del fondatore d’Opera multimedia Danco Singer.

Significativa l’evoluzione della rivista Fernandel, in tempi che molti cercano un rilancio nella solidità della carta, adducendo l’irrinunciabile portabilità d’un manufatto in cellulosa nei luoghi principi della lettura: la ritirata e il letto. Fernandel fu la prima pubblicazione dell’omonima casa editrice, diventando ben presto una rivista affermata e amata, fu bimestrale dal 1994 al 2001, trimestrale dal 2001 al luglio 2007, per poi abbandonare la carta stampata scegliendo la rete, mantenendo la sua peculiarità: racconti e interventi sulla narrativa contemporanea. Piccolo, trascurabile e personalissimo aneddoto: l’intervista che ho rilasciato a Silvana Rigobon divenne il canto del cigno della defunta BombaSicilia.

Carmilla si presenta nello storico rosso e nero delle riviste sovietiche, ed è una zine di letteratura, immaginario e cultura d’opposione. Tra le ultime inchieste più spiccatamente letterarie da segnalare l’attenzione riservata alla New Italian Epic, chi non sa o ancora fatica a capire gli estremi dell’ultimo grande dibattito letterario trova qui esauriente succo degli episodi.

Da rivalutare La compagnia del libro, progetto ideato da Saverio Simonelli, che non disdegna l’ibridazione tra vari media: programma tv nel canale della Cei Sat2000 e sito web. L’intenzione è quella di “creare un luogo d’incontro in tv e in rete dove il libro è al centro”, ma è difficile intaccare il largo e meritato seguito dei tre grandi siti letterari italiani: Nazione Indiana, Il primo amore e La poesia e lo spirito.

Del settimanale RaiLibro la sezione più interessante continua ad essere la mediateca che rimette in circolo alcuni dei piccoli tesori del titanico archivio Rai. Su youtube è facile rintracciare alcune puntate della trasmissione abbinata, Cult Book, come quella dedicata a Altri libertini di Tondelli o al Signore delle mosche di Golding.

Via delle belle donne è una rivista quadrimestrale di letteratura, filosofia e arte ben scritta e organizzata come un palazzo: strettoie, pianerottoli, finestre, camminamenti, ponteggi, giardini e balaustre. Navigabile per sezioni  o comodamente stampabile dalla poco curata versione pdf, affiancata da un blog collettivo nato nel giugno del 2007 e fondato dalla siciliana Antonella Pizzo. I degnissimi contenuti meriterebbero un menabò migliore.

Una teiera e una vecchia pignata ci accolgono sulla nuova versione di BookBrothers che si presenta come un’associazione di pronto intervento letterario per una scrittura a trazione anteriore. Lo slogan e il nome riecheggiano i Blues Brothers: Books Brothers, everybody needs some book to love.

Concludo questa puntata con tre progetti che non bisognano di presentazioni l’open-blog Letteraritudine del catanese Massimo Maugeri, Satisfiction ideata dal free-lance Gian Paolo Serino, prima blog di successo e ora free-press culturale e Mangialibri, con il riuscitissimo simbolo della rosetta di pane condita con una pagina di libro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑