Ora all'incanto ceda il suo cuor

Si legge e si consumano canzoni, musiche e immagini nel teatro dei pupi. Dietro la tenda rossa, appena dietro le spade di glassa e le piume dei pennacchi c’è chi si confronta con l’uomo con la faccia deturpata da storie e le sue canzoni a manovella; c’è pure chi lotta contro il tempo materiale e chi si dedica ad animare un secchio di monezza, degno profeta di questi anni. Una nuova penna ci narrerà la lenta morte di una libreria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *